Vanitas

Vanitas

La leggerezza impalpabile, fragrante di colore,

morbida e frale della farfalla poggiata nell’orbita

oculare vuota di un teschio animale, si fa

ornamento dell’’osceno’, letteralmente di ciò che

siamo soliti espungere dalla scena: la morte. La

vanitas è sottilmente duplice: non solo un pezzo

di scheletro ricorda l’inesorabilità della morte, ma

anche la leggiadria di un esemplare di insetto che

per antonomasia è ricordato per la sua brevità di

vita.

Tecnica

Scultura

Anno

2016

Materiali

Marmo nero di Orezzo, farfalla Aporia Crataegi

Dimensioni

13 x 16 x 28,5 cm